h1

Sospesi

8 marzo 2016

Se c’è salvezza verrà lì

nel buio spesso

intatto

nel gabbro secco, e forte

dove non fiateremo.

 

Sopra,

le stanze che abbiamo

riempite in fretta di cimeli

ancora

odorano di nascite e morti e lunghi puerperii febbricitanti

e infreddature agonie malanni convalescenze

orgasmi soffocati

menarchi gracili e tardivi

amplessi

nel dormiveglia

sussurrano voci

un benvenuto cauto

 

Più giù, sul fondo

nelle rughe dei secoli

nella falda ferita

nel colar lento dell’acqua sorgiva

circolano memorie nel midollo

lama di linfa oscura scorre via

il tempo

dal tempo

 

Più in alto ancora

chiaro il fuoco brucia,

e brilla la minaccia.

 

Ma noi  tra acqua e fiamma stiamo

su nuda terra

in aria densa e scura e legna secca

polvere d’ossa e pozzo

di luce spenta

rifugio

relitto

zitti, sospesi.

 

Se c’è salvezza, verrà lì e

ci troverà.

Advertisements

3 commenti

  1. Non mi è dato sapere se in tempi di social i messaggi in bottiglia approdano ancora sulle spiagge, tuttavia uno ne affido a Njord con gli auguri di buona vita e un anno felice.


  2. Leggo solo ora. Ricambio di cuore!


  3. Sto usando il blog di KABALINO ( ricordi?) e arrivo qui ma è passato un altro anno. Come dire virtualmente un secolo.
    Resto dell’idea che lasciar perdere un blog è fisiologico per mille motivi ma i vecchi avevano una marcia in più. Buona vita Cinzia.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: