h1

Il sapore dell’alito (sonetto)

14 settembre 2013
Quando ti sveglio sa di sonno ancora
di notte breve, e ha ancor di me l’afrore
e se ti bacio nuovamente, allora
possiam ricominciare per tre ore.
 
Ma t’alzi, e se t’assaggio dopo un’ora
di brioscia e caffè sento il sapore
e con l’andar del giorno ancor migliora
(sempre che non mi venga il raffreddore):
 
all’una sa di pesto e fiorentina
alle quattro di benzodiazepina
al parco sa di vento e caramella
 
a cena, di taleggio e mortadella.
E quando mezzanotte s’avvicina
torna a saper di me, come a mattina.
Annunci

2 commenti

  1. deliziosa


  2. Grazie Nidia, anche a me pare deliziosa, ma io sono di parte (e fuori come un terrazzo)

    😉



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: