h1

Il pensiero appassionato

4 gennaio 2013

Siamo così abituati alle vecchie antitesi tra ragione e passione, spirito e vita, che in qualche misura ci sorprende l’idea di un pensiero appassionato, nel quale pensare ed esser-vivo divengono tutt’uno. Heidegger stesso – secondo un aneddoto attendibile – una volta ha espresso questo divenire tutt’uno con una sola frase lapidaria, quando, all’inizio di un corso su Aristotele, invece della solita introduzione biografica, disse: “Aristotele nacque, lavorò e morì.”

 

Hannah Arendt, dal discorso per gli ottant’anni di Martin Heidegger

 

 

Annunci

2 commenti

  1. ecco da chi copiava quella vignetta dei Peanuts…


  2. Mi viene in mente anche il Libro degli Errori di Rodari: “signore, io naccui…”



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: