h1

Blue Tales of Manhattan

5 luglio 2012

 

 

 

Da domani, e fino al 14 luglio, Blue Rain  si trasferisce a Manhattan.

 

Forse, ma non è detto, ne verrà fuori qualche paginetta, qualche appuntarello ecco. Forse solo qualche foto. Forse anche nulla – non si sa mai.

 

Stay tuned – che vuol dire state bene.

 

A presto.

 

Annunci

10 commenti

  1. ma tu possiedi questo disco?
    io ce l’avevo tempo fa, è un interessante antesignano di rap e spoken poetry però su basi jazz.
    peraltro realizzato da un grande cantante non abbastanza conosciuto e riconosciuto.
    alla fine l’ho venduto perchè non contiene molta musica, però un po’ mi dispiace.


  2. No, Francesco, non lo possiedo. Trovo però che la copertina è strepitosa.

    Mi piace questo, lo trovo molto Manhattan, che mi immagino bellissima nel 1947:


  3. Buon viaggio Arte! E Francesco, i dischi so’ ppiezz’e’core, non si vendono mai!


  4. che dici Fabio, apriamo un dibattito sul vendere o no i dischi durante la trasferta della nostra Arte nella grande Mela?

    bellissimo il pezzo del video, quello sì che è Babs, un grandissimo cantante nisconosciuto che, insieme a Jon Hendricks e Sheila Jordan è stato uno dei pochi a frequentare davvero il giro dei boppers nella loro epoca e ad assimilarne il linguaggio.
    un musicista tra l’altro generoso e commovente, grande amico di Bud Powell e suo angelo custode tra Parigi e New York, come è testimoniato nel tristissimo libro di Paudras (quello non lo vendo perché, oltre a essere bellissimo è anche introvabile, almeno la traduzione italiana).

    Arte, ti dedico questo (anche se fa parte di un film discutibile…)


  5. Eh, adesso non cominciate subito ad allargarvi, che non sono ancora partita…
    😉

    @Fabio: Grazie! Non è strano che proprio oggi da te qualcuno parlasse di New York?

    @Francesco grazie, lei poi (Carey Mulligan) è deliziosa! L’ho ammirata in Pride and Prejudice e soprattutto in Bleak House, ma non sapevo che sapesse cantare. A me pare brava, poi non so cosa ne pensi tu che di queste cose ne capisci.


  6. va bene, allora speriamo che la discussione sui dischi si faccia da Fabio…

    di questa attrice non so nulla, credo di averla vista per la prima volta in questo film.
    canta da attrice, il che a volte risulta più interessante del sentire una cantante che canta da cantante, non so se mi spiego.
    di questa scena mi piaceva il silenzio, lo straniamento, il contrasto con la frenesia da cocainomane del protagonista che infatti qui qualcosa capisce e si mette a piangere.

    ti farò una seconda dedica, più appropriata forse:

    un pezzo del grande Billy Strayhorn, dedicato a dei tuoi colleghi e in particolare al Dottor Logan, medico personale di Duke Ellington e fondatore di questo Upper Manhattan Medical Group, uno dei primi presidi sanitari di Harlem aperto a tutti e, credo, tuttora funzionante.
    un brano di una bellezza ineffabile.


  7. Buona Manhattan, allora.
    “Itinerari minimi” nel frattempo si trasferisce a Melbourne…


  8. Sono in partenza anch’io Francesco, ma la discussione sulla vendita dei dischi (bellissima, lo sento!) e’ solo rimandata a settembre. (Detto cosi’ fa venire in mente i debiti scolastici, ma ci siamo capiti).


  9. PS: evviva, WordPress non mi cancella piu’ i commenti, siamo diventati amici.


  10. Ma che è??
    Qui tutti vanno via?? 😦

    Intanto buonissimo viaggio Pioggia Blu, tantissime belle foto (guai a te se torni senza e soprattutto se non ce ne mostri qualcuna! 😉 ) e bellissima luce
    a presto!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: