h1

Il magazzino del rimosso

1 febbraio 2012

 

Quando nella notte gli oggetti mi perseguitano e mi bloccano l’aria nella gola, spalanco la finestra e butto fuori la testa. La luna in cielo è come un bicchiere di latte freddo, mi risciacqua gli occhi. Il respiro ritrova il suo ritmo. Inghiotto l’aria fredda fin quando non sono più nel Lager. Poi chiudo la finestra e mi distendo ancora. Le coperte non sanno nulla, e riscaldano. L’aria nella stanza mi guarda e sa di farina calda.

 

Herta Müller, “L’altalena del respiro”

 

 

“L’altalena del respiro” è la storia vera del poeta rumeno di lingua tedesca Oskar Pastor, deportato nel 1945, a 17 anni, in un lager dell’Ucraina in quanto appartenente a una minoranza tedesca. Oskar Pastor ha scritto questo libro insieme a Herta Müller, che dopo la sua morte nel 2006 l’ha completato e pubblicato.

Il lager, in tedesco “magazzino”, diviene il luogo delle cose messe via, del rimosso collettivo. Doppiamente tragico, in quanto di questi deportati non si è mai potuto parlare, almeno non per oltre quarant’anni, né nella Romania di Ceausescu né altrove. Dimenticati subito, dimenticati e rimossi poi, vivi e morti.

In un linguaggio onirico, singolarmente ossessivo, Müller/Pastor descrive le visioni della fame, lo sfacelo del corpo, la paradossale indomabile volontà di vita racchiusa nelle parole della nonna “tu ritornerai”. Descrive la felicità della bocca e quella della mente. Gli oggetti prendono vita e si fanno ora minacciosi persecutori ora unico legame che mantiene in vita, così come i paesaggi industriali con le loro sostanze chimiche sono luoghi di morte ma anche di sinistra bellezza.

Oskar Pastor si salva dalla morte e torna a casa. Ma è un estraneo, lo Schivante, che ha preso il suo posto. Non c’è più, per lui, un luogo, ma un’eterna lontananza da sé.

Un libro bello e terribile.

Annunci

9 commenti

  1. Una volta riuscivo a leggere queste storie terribili, anzi ne ero avido, volevo sapere. Oggi la mia mente e il mio corpo le rifiutano. So che sono state commesse e ancora si commettono atrocità tremende da parte dei miei simili e ne sono sempre sconvolto. Il mio giudizio sull’umanità non prevede assoluzione e accetterei con sollievo la sua estinzione. Nemmeno tutto l’amore del mondo, per quanto sublime, compenserà le colpe di questa nostra razza bastarda.

    Scusa se sono così duro ma questo è il mio pensiero.


  2. Lo leggerò, prima o poi.


  3. @Enrico: Io credo che siamo, semplicemente, capaci di tutto.

    @Tania: Leggilo più in là. Tra qualche anno.


  4. Si, credo siamo capaci di atrocità immense e di atti di amore puro.
    Continuare a leggerne, sia delle prime che dei secondi, secondo me aiuta a non dimenticare fino a dove si estendono i nostri confini e a decidere cosa fare di noi stessi in relazione con gli altri.

    (Il libro è già nella mia lunga lista d’attesa)


  5. @Rosaverde: Anche per me è così.


  6. non ho ancora letto niente di suo..mi spaventa


  7. @Zefirina: E te credo. Io sono stata male fisicamente.
    Ma si tratta, almeno per me, di “sentire” un certo tipo di scrittura in maniera particolare. È così anche se leggo certa poesia. Non potrei leggere solo questo tipo di linguaggio, ma lo trovo bellissimo.


  8. Not in the mood for a such a book right now.
    However, it’s on my reading list.


  9. @Lola: No point in reading it if you don’t feel for it right now.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: