h1

Aramen

9 febbraio 2011

Squama

di conifera estinta

scaglia

di rettile sepolto

cicatrice di eoni

memoria, ostia

sacrificabile

arteria friabile

di forma leggiadra

riverbero mobile

sul palmo bagnato

sudore di pietra

odore

di pelle segreta

sigillo spezzato

mappa

lacuna potente

evento

d’altrove

anima

viva

Annunci

10 commenti


  1. ed è subito pera.

    Perdona artepilla era bellissima ma questo afflato ridanciano mi era incoercibile.


  2. @Zauberilla cara, non trattenerti. Anche la mi bisnonna soleva dire alla mi nonna in certi frangenti “Falle falle, poerina”.

    🙂


  3. Leggendo Aramen par di trovarsi sotto il salto dell’Angel Falls venezuelano, una cascata di parole congiunte a catene di note incalzanti.
    Pioggia d’immagini anche, diapositive della memoria su fondali di giungla verdeggiante.
    Nelle mani di Rossini ne sarebbe scaturita un’aria trascinante.
    Nonostante si parli di tracce e presenze inanimate, cristalli di minerale, sedimenti nella roccia, si palesa un ritmo che rende vivo e palpitante il tutto.
    Fino a precipitarlo con un riverbero di luce, spruzzi e sonori zampilli, in uno scroscio potente sul palmo bagnato e la pelle odorosa.
    Ai piedi della cascata, specchio d’acqua smeraldina s’allarga in lenti concentrici cerchi, mappa e memoria degli eventi che tornano.
    E dove l’anima, pacificata, vive.

    p.s. Non solo tikka e chai masala, Battista ora chiede il passaggio di categoria. 😉


  4. Arte: bella,mi ferisce.

    JFK: ti andrebbe quella di narratore incantatore nel nostro gineceo?


  5. @JFK: Che belle immagini, quanta acqua. La poesia forse per me è più secca, asciutta diciamo, tranne per quel palmo. Ma la tua interpretazione è più lussurreggiante.
    Grazie.

    Per il passaggio di categoria, mi sa che dovrai farti appoggiare dal Sindacato Maggiordomi Indiani.

    @Manuela: Se ti ferisce mi dispiace, spero non sia una ferita profonda.


  6. Visto che i commenti sono lussureggianti avevo pensato di candidarmi per un posto nel gineceo di Narratore Incantatore Lussur(i)eggiante.
    Però lo SMI dice che non si può fare, il posto è occupato dall’alto.


  7. Arte: sì, la ferita è profonda, ma la cicatrice sarà ben nascosta nell’anima e quindi, spero, invisibile al mondo. Ma non dispiacerti, quel che non uccide, rafforza! 🙂

    JFK: Peccato, ci contavo! 😦


  8. @JFK: La suddetta categoria non è riconosciuta.

    @Manuela: Sempre citando la suddetta nonna, “quel che un’ammazza, ingrassa”.


  9. una potente associazioni di immagini e di idee.


  10. Grazie Lola!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: