h1

Unum deum

12 dicembre 2009

Appunti del corso di teologia sistematica comparata, a cura del docente Maria Margherita G., classe quarta elementare.

Ebraismo: Gli ebrei credono in Dio, solo che credono molto di più a Mosè. Non vanno in chiesa. Vanno in un altro posto, che non mi ricordo come si chiama, e anche noi ci dovevamo andare, e era anche aperto, ma la guida si era ammalata, e la maestra ha detto che saremmo tornati un altro giorno, ma poi invece non ci siamo più tornati. Sulla porta ho visto la stella di David.

Islam: Allah significa Dio. Ma Allah è solo uno dei nomi di Dio. Sai mamma quanti nomi ha Dio? 102. I musulmani credono a Gesù, ma dicono che non è Dio, ma che è molto importante lo stesso. I musulmani non mangiano le salsicce. Per questo, quando a scuola ci danno le salsicce, ad Abdihakim danno delle salsicce speciali. Però, mentre a noi di quelle normali ce ne danno 2, a lui invece, siccome ne devono aprire un pacco, gliene danno tutto il pacco. Questo non è giusto.

Induismo: La mia amica Zaina è indù. Lei vorrebbe celebrare il Natale ma non la lasciano. Mi fa molta pena. Gli indù credono in Shiva. Hanno un Dio in cielo e uno in terra, ma in realtà sono 4 persone. Shiva è buono, ma purtroppo non è nato a Natale.

Buddismo: I buddisti, come dice il nome, credono in Buddha. Dicono anche che dopo la morte si diventa un’altra cosa, ma non si sa mai cosa. Per questo, sono vegetariani: perchè non sarebbe una cosa bella mangiarsi magari un parente, senza saperlo.

Annunci

32 commenti

  1. Mi piace questa insegnante


  2. esilarante.
    che gli dei tutti la guardino con favore.

    a.


  3. L’ultima frase ha un’ironia superba.
    Mi chiedo se la traduzione sia fedele o comunque frutto di una rielaborazione 🙂


  4. viva i bimbi che quardano alle diversitá come un modo di arricchirsi.
    viva la maestra e viva la nostra arte.


  5. Ecco come stanno veramente le cose, Maria ha riassunto sinteticamente le differenze tra le religioni più diffuse. Ah, se tornassimo tutti a vedere il mondo con gli occhi dei bambini! 🙂


  6. I bambini danno speranza. La loro sara’ una generazione consapevole e rispettosa delle differenze, ricchissima rispetto alla nostra.


  7. @Mucca: Se vuoi ti iscrivo al seminario, visto che io sarei l’assistente, dai che poi all’esame ti aiuto.

    @Auro: Grazie per l’aurea benedizione.

    @Principe: Bella domanda. Da ex filologa naturalmente mi sono posta notevoli quesiti metodici prima di affrontare il lavoro. Come ogni traduzione, è un’interpretazione. Però ho fatto del mio meglio per rispettare l’originale, che erano affermazioni fatte da M mentre io preparavo la cena (e prendevo appunti…)

    😀

    @Henry: L’Ars vivendi…

    @Frank: Ah, se l’importante fossero le salsicce…
    😉

    @Fabio: Anche a me danno molta speranza. Sarò scema, ma mi danno speranza.


  8. Arte non sei scema. Sei una bimba! 🙂


  9. mah, ci sono certe persone che sono sicura che in una vita precedente siano state dei tuberi (per giustificare le loro mancanze solo questa può essere una tesi plausibile), altre che, per espiare le colpe di questa vita…beh…al massimo diventeranno delle zucchine. quindi occhio! anche voi vegetariani!


  10. @Henry: … e per questo ti adoro!

    @Zdora: Benvenuta. In effetti anch’io ho avuto questo dubbio teologico: ma si può rinascere solo come animali o anche come piante? Perchè se si può rinascere ad esempio come verdure, tutto il discorso del vegetariano crolla, come giustamente dici tu (e io segretamente lo spero, perchè mi piace troppo il culatello per diventare vegetariana).

    Speriamo ci legga qualcuno un po’ ferrato in materia, che possa spiegare.

    Io comunque ho proprio dei problemi con tutto il concetto di reincarnazione, ma questo porterebbe troppo lontano.


  11. La materia che avrei sempre voluto trovare a scuola. Allora esiste, in qualche luogo illuminato.


  12. @Lophelia: Esiste, in questo luogo buio ma illuminato, e ne vedi i risultati…


  13. Complimenti alla docente e alla fedele traduttrice.
    Sono appunti di una chiarezza e lucidità impressionanti.
    Ecco, cosa mi ero perso nella vita, la teologia sistematica comparata.
    La cosa che m’illividisce e deprime è avere alle spalle una militanza ultradecennale come chierichetto di messe mattutine.
    Colpa mia però, stavo sempre a fissare l’ampolla di vin santo e quando l’avrei riaccompagnatata in sacrestia.


  14. @JFK: Verrrgogna, scolatore di ampolline! L’allegro chierichetto!
    Poi, per forza ti perdevi le spiegazioni…

    🙂


  15. Mi è piaciuto moltissimo e anche io stravedo per la questione dei vegetariani buddisti:)


  16. Molto buffo, tenero e vero. Pero’ sono rari i bambini così, le maestre così…mai sentito un discorso così sapiente ed equilibrato dai bimbi che conosco.


  17. @Zauberei: In che senso stravedi per la questione? Guarda che sei stata identificata e schedata come frequentatrice abituale di salumerie, e neanche kosher…

    😉

    Io ho spesso pensato che avrei serie difficoltà se fossi ebrea o musulmana osservante, queste restrizioni alimentari mi scatenerebbero un desiderio irresistibile di mangiare appunto la cosa proibita…


  18. @Tania: Ci sono due cose da dire: Maria è una bambina speciale, e non lo dico perchè l’ho fatta io, ma anzi proprio perchè a volte mi sembra un po’ aliena, ma mi si dice che anch’io fossi così. (Nel caso, l’ho rimosso.)
    L’altra cosa è che la scuola norvegese promuove questo tipo di educazione alla diversità, sicuramente in misura maggiore di quella italiana (so che sto generalizzando). In generale, diciamo che la facoltà di osservazione critica e di confronto ha più spazio nella pedagogia scandinava. Per fortuna, almeno quello.


  19. Leggendo la parola vegetariano, chiedo di potere intervenire.

    Avendo fatto questa scelta 24 anni fa, non avendo piu’ sentito alcuna esigenza di tornare indietro, ed essendomi spesso confrontato (pacificamente, ci mancherebbe) con persone che hanno cercato di diventare vegetariani senza riuscirci, ex-vegetariani, ecc., ho laicamente concluso che non si diventa vegetariani per scelta razionale. Lo si fa perche’ a un certo punto si sente la necessita’ di farlo.

    Non lo so spiegare, infatti, so solo che razionalmente non c’e’ nessun modo per diventare vegetariani. Ci si arriva col cuore, non con la mente. Se ci si arriva con la mente, prima o poi si torna all’alimentazione onnivora.

    (Arte, oggi da me la grondaia perde con particolare abbondanza. Messaggio incomprensibile per gli altri tuoi lettori, ma non e’ una cosa sconcia, giuro).


  20. ok – e’ un off-topic ma tant’e’, la nostra ospite scusera’ (spero).

    @fabio: ce lo fai un post sul vegetarismo, il tuo, non quello teorico? e’ magari un po’ fuori dagli schemi del tuo blog, ma interessantissimo per chi, come me, condivide che una scelta tale non puo’ essere razionale, e non capisce come possa nascere… “dal cuore”, ecco. grazie, thanks, merci, takk, dhanyavaad


  21. @Fabio: Anch’io penso, come te, che gli argomenti razionali abbiano ben poco a che fare con questo tipo di scelte che definirei radicali, in quanto più che scelte alimentari riguardano una filosofia di vita, quando non una religione.
    A tutte le scelte più importanti non si arriva con la ragione ma col cuore,il che però non equivale a dire che siano scelte irrazionali. È che il cuore ha delle ragioni ch ela ragione non ha, per citare MANZOni, a proposito di carne…

    Ahahahah, la grondaia! Comprendo.
    Non è una cosa sconcia, ribadisco, lungi da Fabio.

    @Auro: Questo è un momento di importanza storica paragonabile al Nobel a Obama: il primo off topic di Auro che la storia del weblogs ricordi.
    😉
    Non so proprio dove andremo a finire, comunque sei non solo scusato, ma anzi appoggio la tua proposta a Fabio: un bel post sul vegetarismo, su Engadina Calling o anche qui, lo ospito volentierissimo.


  22. Stupendo. Ora lo stampo e lo leggo a scuola, ai miei alunni. Complimenti


  23. @Pat: Benvenuta, e accidenti, quale onore. Non lo dirò a Maria altrimenti si gasa…

    😀


  24. Ma non c’e’ niente da scrivere, o io non saprei da dove iniziare. Come per molte persone mangiare carne e’ una cosa normale, per me e’ impossibile farlo. Ma non saprei dire altro. E’ come se chiedessi a te di scrivere un post sulle ragioni per le quali non hai mai mangiato il braccio di un bambino.


  25. ah.
    capisco.
    vedi quello su cui mi interrogo – ed a cui nessun vegetariano a finora saputo fornire una risposta convincente senza invocare dogmi personali o meno – e’ perche’ non senti la stessa sensazione di ribrezzo verso una (ormai deceduta ma sicuramente freschissima) foglia di radicchio.

    @arte: grazie per l’ospitalita’. ora smetto. 🙂


  26. @Fabio, Auro: Oddio, io spesso il braccino di uno di quei lattanti belli grassi ho avuto l’impulso di morderlo, lo confesso. Molto più di una foglia di radicchio ad esempio.
    (ma non l’ho mai fatto, non temete)


  27. No aspetta, non ho mai parlato di ribrezzo Auro. E’ qualcosa di piu’ prossimo all’empatia e al concetto buddista (ecco che magicamente riportiamo il discorso in topic) di compassione che avvicina al vegetarianesimo.

    Di piu’, appunto, non so dire.

    Sul vegetarianesimo peraltro condivido pienamente l’opinione del mio direttore, Danilo De Biasio. Come me, Danilo e’ vegetariano, e pero’ nonostante sia in diretta tutti i giorni credo non ne abbia mai parlato alla radio.

    E’ un fatto personale, e a pensarci bene non avrei dovuto prendere la parola.


  28. @Fabio: Ah, se il fatto che sia una cosa personale dovesse significare non prendere la parola, io praticamente dovrei chiudere il blog in questo momento, anzi cancellarlo proprio…

    Io invece apprezzo che tu ne abbia parlato, e infatti, non era un OT quello di Auro, affatto.


  29. Grazie Arte, mi hai rassicurato di non avere rotto troppo le scatole 🙂


  30. più che altro se Maria scopre che trascrivi le sue lezioni e le diffondi ti ripidia, peggio che nella Bibbia!
    🙂


  31. ehmm ripudia, volevo scrivere


  32. @Iko: Ripidia però rende più l’idea.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: