h1

Leggeroleggero

15 luglio 2009

È estate, fa caldo (per modo di dire, quassù) e forse è il momento per un post leggerissimo,  quasi inesistente, da ombrellone.

La cosa più buona da mangiare:

sono incerta tra il cacciucco alla livornese e le ostriche della Bretagna

La cosa più buona da bere:

lo champagne (con le ostriche) o il traminer aromatico (col cacciucco)

La cosa più buona da annusare:

la pelle di mia figlia

La cosa più piacevole da toccare:

il muso di un cavallo

Il caffè lo bevo:

dolce, forte, nero

E voi? Chi gioca con me?

Annunci

21 commenti

  1. La cosa più buona da mangiare:
    Pasta alla carbonara

    La cosa più buona da bere:
    Negroni

    La cosa più buona da annusare:
    Il sudore fresco di chi si ama…

    La cosa più piacevole da toccare:
    La mia testa appena rasata

    Il caffè lo bevo:
    Lungo e dolce

    Fatto… Un bacione


  2. Carissimo Cilions, che piacere questa visita! A volte ti penso tra le tue montagne, sempre con una sensazione di fresco e serenità.
    🙂

    L’ultima volta che ti ho pensato è stato la scorsa settimama a Roma, quando mi ha svegliata la tromba dell’alzabandiera da una caserma vicina (ma erano le otto ed era ora di svegliarsi…)


  3. immaginando di essere ancora in Sicilia…
    da mangiare: il pane cunzato, ovvero fettona di pane con sopra pomodori, mozzarella, melanzane, capperi, olio
    da bere: latte di mandorla
    da annusare: l’aria profumata di capperi, salendo sulle strade di campagna
    il caffè: lungo e puro, senza zucchero né dolcificanti, se mai ogni tanto un po’ di panna.


  4. @Lophelia: Bè, anche il pane cunzato mi sembra una cosa buonissima, in effetti…
    Sul latte di mandorla invece soprassiedo, è una cosa che non capirò mai, tipo certi tuoi gusti al liceo.
    😉
    Il caffè: se è lungo, ovviamente senza zucchero. Se è corto, dolce.
    La panna nel caffè è il massimo del buono.


  5. Lophelia, manca “da toccare”!
    Non barare…


  6. già! autocensura inconscia…be’ mi viene in mente che giù nei negozi di frutta e verdura ti vien proprio voglia di toccare la merce da quanto è grande e bella (e infatti non a caso è pieno di cartelli con scritto “NON TOCCARE”)


  7. Vuoi dire che ti ho beccata in un lapsus?
    O-O

    troppo ganzo

    ora mi hai fatto venire in mente un’altra cosa: la morbidezza vellutata delle pesche appena colte
    (ma a qualcuno toccare le pesche dà fastidio, vai a capire perchè)


  8. beh anch’io ho un inconscio! non ho ancora raggiunto il Sé junghiano, ci sto provando;)


  9. buon lavoro cara

    (hai notato che siamo rimaste sole? post di grande successo…)

    😀


  10. grazie
    è estate, saranno tutti a mangiare, bere, odorare, toccare, sorseggiare caffè shakerato (ottimo pure quello)


  11. solo noi tapine a lavorare

    (si fa per dire)

    …ehhhh…. (sospiro)


  12. Sono tutte risposte estive, premetto!

    La cosa più buona da mangiare:
    anguria fresca di ghiaccio, polpa dura, sapore zuccherino ma non troppo

    La cosa più buona da bere:
    il Long Island del Luca’s Bar (chi è di Milano sa di cosa parlo)

    La cosa più buona da annusare:
    l’olio abbronzante sulla pelle che sfrigola al sole!!

    La cosa più piacevole da toccare:
    l’acqua

    Il caffè lo bevo:
    amaro, in tazza grande, rigorosamente Vergnano; eventualmente ho la variante shakerata con un goccio di Amaretto di Saronno

    😀


  13. Bentornata Artemisia!

    La cosa più buona da mangiare:
    salata, il cous cous royal (non di agnello) con le mani
    dolce, strati alternati di gelato alla crema e panna montata dentro un bicchiere di vetro mooolto alto

    La cosa più buona da bere:
    sangria con molta frutta da mangiare

    La cosa più buona da annusare:
    l’aria che sà di tiglio

    La cosa più piacevole da toccare:
    il mio gatto che fà le fusa

    Il caffè lo bevo:
    non lo bevo, bevo il tè; vale lo stesso?
    molto caldo, con molto limone e molto zucchero

    Questa è la classifica del giorno, domani le cose potrebbero essere diverse! ;o)


  14. @Ady: Uuuuhhh, ma come siamo sfiziosi, il caffè rigorosamente Vergnano!
    😀

    non ti fai mai mancare niente, tu…

    @Papero: Dalle tue risposte mi è venuto un dubbio: ma tu sei una papera? Perchè sono risposte molto femminili. Alternativamente, potresti essere l’uomo della mia vita, specialmente per quel gelato a strati con la panna…

    (si scherza, eh)


  15. La cosa più buona da mangiare:

    il piattone della mamma: pollo disossato e ripieno di pasticcio, tutto in forno con molti aromi… una cosa rara, lo propone una volta ogni 7 anni esatti, a Natale!… O_O

    La cosa più buona da bere:

    mi associo al traminer aromatico, e all’acqua fresca frizzantina dopo una giornata di afa e… rottura de maron!!!

    La cosa più buona da annusare:

    …ehm… la pelle, decisamente ;o)

    La cosa più piacevole da toccare:

    toccare si, ma a scopo esplorativo prima del morso fatale!… scherzo (?)… allora: il corpo lungo e affusolato della gattona-ona-ona e le dita ciotte dell’amore mio… che alla fine mordo! ;o)

    Il caffè lo bevo:

    forte, senza zucchero… (mmmhhh… che vorrà dire?)

    Baci baci…


  16. @Antonio: Un po’ inquietante quel pollo sabbatico… ma dev’essere buonissimo. Tra quanti anni “cade”?

    Comunque tu devi smettere di mordere la gente. Mordi i polli, i gatti, ma la gente no.

    Le dita ciotte è bellissimo!!!

    😀


  17. Diciamo che sono un papero la cui parte femminile è molto accentuata. Un giorno ti dissi che amo le piume di struzzo… ;o)


  18. @Papero: Aaaaaahhhhh!
    Ho capiiiiitooo….

    😀


  19. Da mangiare: il gelato! Mi vanno bene tutti i gusti, un po’ meno la nocciola

    Da bere: l’acqua fresca preferibilmente delle Apuane: la c’ha un saporino!

    Da annusare: ah, si va sull’aromaterapia; che dire? La rosa e il gelsomino e le zagare, vuoi mettere.

    Da toccare: tutto quello che è liscio: la pelle dopo la crema solare, la superficie di una pietra burattata. Con i piedi invece la sabbia. Ah, camminare sulla spiaggia magari dopo un anno o più.

    E il caffè ragazzi, non lo bevo. Ci ho provato, eh, ma non mi piace proprio: troppo amaro, anche con lo zucchero. Niente da fare; ripiego sul cappuccino.


  20. @Rodo: Ma come fa il caffè ad essere amaro con lo zucchero??!

    E poi mi spiegherai cos’è questa pietra burattata, ora sei sul fiorentino colto quasi dantesco, ricordati che io sono ormai straniera…


  21. Il caffè per me resta amaro anche con 3 cucchiaini di zucchero. Che ci posso fare?
    Macché fiorentino colto, la pietra burattata è quella che viene levigata con un procedimento a base di sabbia che la fa diventare liscia.
    Ciao straniera!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: