h1

L’eco del ricordo

5 aprile 2009

Non il ricordo, ma l’eco del ricordo. Non un’immagine, ma l’impronta di un’immagine. Non una nota, ma una pausa tra due note, un respiro presente in assenza di qualsiasi traccia chimico-fisica del ricordo, come l’eco omeopatica di un elemento diluito all’infinitesimo, e per questo potentissimo.

Annunci

12 commenti

  1. Ciao Artemisia, non per mia volontà, ma per circostanze forzate ho dovuto stare assente dal PC, e sono qui per ribattere al tuo commento da me sul glicine…
    Artemisia…ma sai che io che sono così attenta alle immagini…solo oggi mi sono resa conto che l’immagine che hai usato sotto il titolo del tuo blog è glicine!!
    Doppia scoperta quindi…e tanto di più, perchè le coincidenze così marcate hanno sempre una valore che si distingue.
    Sì, Artemisia capisco quello che tu dici di te stessa e della passione…lo avevo intuito, e aggiungo che io forse sono un po’ spostata rispetto a te nel senso che parto da una posizione meno cerebrale…e vado verso un equilibrio tra le due facce della medaglia, ma sempre lo stesso la sofferenza c’è.
    Mi rendo conto, che quando si trova una persona, con la quale si comunica bene c’è come un entusiasmo eccessivo quasi un po’ parossistico di voler scambiare il più possibile, ma anche questo rientra in quella parte da mettere in equilibrio, e che da parte mia ha trovato nel libro della De Monticelli (quello che tu hai lì, ma non hai ancora letto..) L’Allegria della mente (sottotilo: dialogando con Agostino) veramente un grande aiuto, quasi direi una piccola illuminazione (come dire che certi libri e certe persone le incontriamo quando siamo pronti..)il libro della De Monticelli, mi accompagna dentro come il ricordo di una persona importante che è entrata nella mia vita e separandoci mi lascia cambiata e più matura.
    Ma tornando al glicine, davvero bello il corrispondente “Pioggia Blu” perchè quando i suoi fiori cadono formano davvero una pioggia blu, anche stamattina sono andata a fare la mia passeggiata domenicale e ne ho visti altri pronti a sbocciare con quei loro rami così intrecciati e forti..anche per me il glicine è un fiore che nella mia vita occupa un posto importante, che si riallaccia alla mia infanzia…perchè alla fine sempre lì si arriva …scavando in se stessi..
    Un giorno facendo una ricerca, mi ero imbattuta su qualcosa che riguardava il tuo nik “ARTEMISIA” e ho sentito dentro in quel momento la certezza che aveva qualche riferimento con te e il tuo nik avrei voluto chiedertelo…non l’ho fatto, ed ora mi sfugge..
    Ti auguro di passare una bella domenica… un saluto affettuoso
    Franca


  2. Artemisia, cioè Artemide, cioè Diana, dea della caccia, simboleggiata dalla luna, gemella di Apollo. Senza rivelare qui il mio vero nome (anche se poi molti dei lettori lo sanno), dirò che si riferisce ad uno degli attributi di Diana.

    (A nessun mortale è permesso di vedere Artemide nuda. Il cacciatore Atteone, per averlo fatto, fu trasformato da Zeus in cervo e poi sbranato dai suoi stessi cani. Bei tempi quelli.)

    😀


  3. Ciao Artemisia, si era evidente che tu sei una Artemide…quel qualcosa che avevo trovato io in questo caso però non era riferito alla dea della caccia che conosco bene…credo che fosse qualcosa riferito al fiore o pianta perchè ora non ricordo bene però c’è un fiore che porta pure questo nome…ma domani lo cercherò….
    Ho un libro scritto da una americana mi pare…dal titolo LE DEE DENTRO LA DONNA…da tempo vorrei farne un post…questo libro descrive le varie dee…e si può attraverso la lettura capire a quale dea apparteniamo di più…
    Io non sono completamente Artemide…ma la parte amazzonica in me è abbastanza evidente…è rilevabile anche nel mio tema natale..
    Ti auguro di iniziare una buona settimana…
    Un saluto affettuoso
    Franca


  4. Mi sento totalmente dentro questo tuo post, nelle parole ma pure nella musica che hai collegato.
    La mia memoria è molto anarchica, ricorda quello che vuole e dimentica anche quello che non vorrei dimenticare… perciò mi sono ormai abituato a vivere con l’eco dei ricordi piuttosto che coi ricordi stessi.
    Ed è vero, a volte è proprio la “tensione” tra il non essere e l’essere, a rendere una cosa esageratamente evidente. Un grande abbraccio.


  5. Grazie, Daniele.
    Questo post è molto molto importante per me. Soprattutto quella suite ha cambiato la mia vita, e nei silenzi tra quelle note esiste un abisso di significato del quale non ti so neanche accennare una descrizione. Forse l’hai sensibilmente percepito.
    Ciao.


  6. hai ragione…l’eco lo avverto anche io


  7. @Zefirina: Lo so.


  8. Oooooooooh!!!!
    Quanto mi ha fatto danzare questo brano! Sul divano al buio e ad occhi chiusi ho danzato per ore. D’ora in poi, quando ti leggerò, sentirò sempre questa musica.

    Paperoga.


  9. Ciao Paperoga, benvenuto su Pioggiablu.
    Il brano è un vortice concentrico che ti porta in alto e poi ti lascia cadere.

    D’ora in avanti puoi ballare su uno dei miei divani, quanto vuoi

    😀


  10. Fantastico!
    Grazie, però suoni tu!

    Paperoga.


  11. Ma tu sei pazzo, non la saprei mica suonare io una cosa così.
    E se la sapessi suonare non la suonerei, l’ascolto e basta.


  12. Ciao Artemisia, intanto ti auguro una buona giornata…poi volevo dirti che ho postato 3 video sul mio blog, di cui l’ultimo quello di oggi di una voce scoperta lo scorso anno che mi piace moltissimo…non è un’artista conosciuta…sono andata a vedere di trovare altre sue notizie ,ma ha solo un canale su You Tube dove segnala anche la possibilità di acquistare i suoi incisi…ma la cosa che mi ha sorpreso e l’ho scoperto solo da qualche giorno è che il paese dove arriva segnalato su You Tube è la Norvegia!
    Un saluto affettuoso



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: