h1

Domenica pomeriggio

16 febbraio 2009

domenica

Ho trascorso il pomeriggio facendo tre cose:

Cercando di accordare il mio violoncello senza avere un la plausibile. Il risultato è stato che produceva suoni non riconducibili a nessuna scala musicale conosciuta. Interessante.

Passeggiata di qualche km in perfetta solitudine.

Lettura di metà di “Kafka” di Pietro Citati. Conseguente mal di testa.

(anzi, quattro cose)

Lettura di un articolo di Roberta De Monticelli sull’amore. Bellissimo. Tra l’altro:

 

Il n’est pas besoin de distinguer autant d’espèces d’amour qu’il y a de divers objets qu’on peut aimer. Car, par example, encore que les passions qu’un ambitieux a pour la gloire, un avaricieux pour l’argent, un ivrogne pour le vin, un brutal pour une femme qu’il veut violer, un homme d’honneur pour son ami ou pour sa maitresse et un bon père pour ses enfants soient bien differentes entre elles, toutefois, en ce qu’elles participent de l’amour, elles sont semblables.

Renè Descartes, Passions de l’âme, Article 82

Annunci

18 commenti

  1. ma c’è ancora tutta quella neve?!


  2. Bianca, quest’anno siamo letteralmente sommersi.


  3. ma non eri allergica al francese?

    la foto l’ho rubata sul blog del Principe Sofisticato…


  4. J’ai prendu des antihistamines.

    😀

    No, in realtà da quando ho capito che lo capisco mi piace tantissimo. Toto le heros senza sottotitoli è stata un po’ una svolta.

    La foto è del Principe? Ma mi pareva Casale!
    O_O

    resta bellissima


  5. Ciao Artemisia, l’unica cosa che del post, mi dispiace è il tuo mal di testa, che spero che al momnento che scrivo non avrai più…il resto è tutto bello, anche il la del tuo violoncello..l’immagine poi che hai usato, mi dà un senso di pace..e per finire, l’articolo della R.De Monticelli…stiamo viaggiando un po’ sulla stessa lunghezza d’onda…io da quando ti ho accennato al suo libro “L’ Allegria della mente”- sottotiolo –
    Dialogando con Agostino, sto facendo una vera e propria autoterapia psicologica, il libro ha 180 pagine…sono all’inizio della sua terza lettura…c’è tutto in questo libro, se solo una persona, riuscisse a fare suo, quello che il libro contiene…basta…è troppo presuntuoso…mi basta dire, che da quando qualche settimana fa, te l’ho accennato e l’ho ricominciato a leggere (la prima volta, era stato lo scorso anno…ma un po’ più di corsa…ogni cosa ha un suo momento..)sto meglio…
    Ti mando un caro abbraccio e ti auguro una buona settimana con il conseguente buon lavoro
    affettuosamente
    Franca


  6. Franca, io ho pensato invece di leggere prima “L’ordine del cuore” di R.D.M. Mi pare di averne più bisogno. L’ho ordinato.

    Il mal di testa è passato, grazie. Buon tutto anche a te.


  7. ah ma allora poi lo hai visto “Toto”?
    e non ci dici nulla???


  8. infatti la foto l’ha scattata il Principe a Casale…


  9. @Franca: Rileggo il mio commento… “l’ho ordinato” si riferiva al libro e non al cuore!
    😀

    @Henry: Ho visto Toto e consumato un pacco di kleenex! Me l’ha regalato il nostro comune amico con la consueta gentilezza.
    Ho ripensato all’avvertimento fattomi da te e Lophelia… avevate ragione.

    @Francesco: Ecco, vedi! Ma mi sembra fatta da casa tua…


  10. no, il Principe non è mai stato in casa mia.

    la foto è fatta in paese ma potrebbe essere fatta in qualsiasi luogo, direi che oltrepassa il luogo in cui è stata scattata, come tutte le foto più belle.


  11. Non c’entra molto, ma abbiamo una finestra d’angolo identica (solo che io tanta neve cosi’ l’ho vista dalla mia finestra un giorno solo da quando in quella casa abito).


  12. @Francesco: Ti credo, ti credo, non è mai stato a casa tua, va bene…

    Trascende Casale.

    😉

    @Fabio: Stasera il vicino ha detto che c’era così tanta neve da 35 anni, e i vicini in questo campo sono sempre un’autorità.


  13. mi permetto di prendere le veci (e la voce) del principe che in questi giorni é in visita dei lontani e nobili parenti di Braganza, per dire che la foto é stata fatta indubbiamente a Casale durante l’ormai happening noto ai piú come Stravaganza 2008.

    come sanno i piú siamo molto legati a quei luoghi e la foto ne é testimonianza.

    p.s. quel film é semplicemente GENIALE! dovrebbero trasmetterlo tutte le sere!


  14. ovviamente era “ormai noto happening” e non come ho scritto…ah…solo a pensare ai Braganza mi confondo 😉


  15. Ciao Artemisia….sei simpatica, con l’aggiunta che hai fatto, specificando che hai ordinato il libro e non “il cuore”, mi hai fatto fare una bella risata!
    Sì, fai benissimo a leggere L’ordine del Cuore, è in assoluto secondo me, il meglio della R.D.Monticelli, ma quando poi cominci, non ti fermi più…l’altro bellissimo suo che ti segnalo è Nulla appare invano, mentre è stato un po’ troppo difficile per me Esercizi di filosofia, ma sempre bravissima lo stesso.
    Una domanda ora: conosci Maria Zambrano (è un’altro dei miei amori…sto pensando da tempo di fare un post…ma anche lì, è lo stesso problema come pe la Weil…se non faccio un copia e incolla con quyalcosa che trovo…dire io qualcosa di una donna così..non me la sono ancora sentita, ma lo farò…perchè c’è un suo libro Chiari del Bosco, che quando l’ho letto…ho pensato più volte, che fosse sotto effetto di qualcosa, ha una forma di scrittura visionaria, anche di lei ho letto quasi tutto…ma sono letture, che non fai mai una volta per tutte…perchè, man mano che tu cambi e rileggi uno di quei libri, ci scopri cose che prima non potevi…non ne avevi la maturità…io sono fortunata ora, perchè ho molto tempo…e posso leggere molto..
    Ti mando un abbraccio e un buon lavoro


  16. @Henry: I sintomi di rincoglionimento aumentano proporzionalmente al tema…
    😉

    La Braganza… che bel nome… ma qualcuno sa dov’è veramente? È il Brabante o non c’entra nulla?

    Bisognerebbe chiederlo al Principe che queste cose le sa.
    @Franca: Non conosco la Zambrano, ma se me la consigli la conoscerò volentieri. Beata te che hai tempo di leggere, io leggo in tutti i possibili ritagli di tempo: a letto, nella vasca da bagno, in autobus, mentre cucino…


  17. Braganza é il nome di una cittadina del nord del portogallo. Quella dei Braganza é stata una delle dinastied reali del Portogallo…non credo c’entri nulla col Brabante ma io son solo Conte e ho contatti solo con i Principi di Caropepe quindi magari mi sfugge qualche nesso 😉


  18. @Henry: Che ignorante che sono…
    Del resto, essendo io Violante la popolana di Rialto divenuta Marchesa di Belmonte grazie ad un vantaggioso matrimonio non posso rinnegare le mie origini…

    @Franca: Sì, come vedi sto lavorando accanitamente!
    Veramente ora stacco sul serio se no mi licenziano.
    🙂



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: