h1

Camera obscura

28 gennaio 2009

Dal buio dilaniato
si dilata il presente
interrotto spalanca
spuma d’avide nubi
al rovescio dell’oggi

vela parete
culla gli ormeggi
e scorre sui miei piedi
eradicati
gira
la lente
il mio vuoto la frena
la capovolge

e vortice di tempo mi trasluce

Annunci

14 commenti

  1. mi piace (da morire) sopratutto l’ultima verso che forse, se mi posso permettere, io avrei scritto cosí:

    e vortice il tempo mi trasluce

    un verso che mi ricorda tanto ungaretti.

    p.s.
    ho una voglia di scrivere da far paura! spero di sbloccarmi presto!


  2. @Henry: Questo è appunto un esercizio di stile volto a sbloccarmi… non mi soddisfa granchè. Ho letto troppe belle cose ultimamente, e questo come sai mi paralizza.

    Ti ringrazio molto.
    Buttati presto anche tu…


  3. pensa che ho letto “spuma d’albumi”…


  4. Ahahahahah!!!

    Buonissimi gli spumoni…

    😀


  5. Libera le parole, non ci pensare. Mi piace quella sottile cattiveria che traspira dai piccoli ricami.


  6. Presente dilatato
    Presente compresso
    Presente assente.

    Ciao.


  7. @Ale: Hai ragione: E se uno non lo fa sul blog…

    @Alberto: È (quasi) incredibile la tua capacità di analisi.


  8. Sono senza parole.
    Però mi piace.
    E mi piace moltissimo quel chiasmo vela-parete e culla-ormeggi. Tra il piccolo spazio raccolto (d’una stanza?) e ciò che si tenta di raccogliere (il mare) invano.
    Un bacio
    Ady


  9. sì buonissimi 🙂


  10. @Ady: Hai visto molto bene il dentro/fuori che volevo esprimere.
    Sai come funziona una camera oscura?

    @Gargoyle: 😛


  11. A dire il vero no, e non ne ho mai vista una di persona. Una visita guidata potrebbe essere d’aiuto nella comprensione del testo? 😀


  12. Io credo proprio di sì.
    🙂


  13. L’essenziale e’ invisibile agli occhi, se ho capito, e l’oscurita’ aiuta a percepirlo.

    Mia interpretazione, che potrebbe essere ben diversa dalle tue intenzioni.

    Bonnie Prince Billy qualche giorno fa mi diceva che capisce il significato delle sue canzoni a volte due anni dopo averle scritte…


  14. @Fabio. Non avevo pensato a questa possibile interpretazione, ma questo è appunto il bello di condividere quello che scrivo.
    Non ci sono “intenzioni”, ci sono parole, aperte a qualsiasi possibilità.
    La tua interpretazione è validissima di per sè.

    Dì a Bonnie Prince Billy che anch’io il significato delle mie poesie a volte lo capisco dopo qualche anno. Però poi cambia ancora, e qualche anno più tardi è ancora diverso. Perchè sono diversa io.
    Chissà perchè non succede così a Bonnie Prince.

    🙂



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: