h1

Blu

23 novembre 2008

ora
solo tre cose contano
fede speranza amore
la più grande di tutte
è l’amore

Annunci

19 commenti

  1. tu sai che “contano” viene tradotto anche come “durano” o “sono eterni” e dunque potremmo lasciarci facilmente andare alle diverse letture, ben sapendo che qui si parla di amore divino.


  2. So anche bene che la versione ufficiale della CEI traduce il greco “agape” come “carità” e infatti dice “la carità non avrà mai fine”.
    Di proposito ho scelto invece la versione interfonfessionale.
    Questo perchè a me interessa ben poco scindere tra le tre parole greche eros, agape e filia. Non perchè non creda che esista differenza, ma perchè non mi interessa qui e ora. Ne ho sentito parlare anche troppo, e specialmente da persone che dell’amore umano avevano timore.

    E soprattutto perchè io sono convinta che l’amore umano e quello divino siano, pur se espresso in forme diverse, esattamente lo stesso amore.


  3. film unico, rivisto per l’ennesima volta poche sere fa.
    Quando uscì fu causa di un acceso litigio con una delle mie migliori amiche, che sosteneva non fosse credibile ostinandosi a leggerlo a livello letterale.


  4. Lophelia: È abbastanza incredibile che tu l’abbia rivisto poche sere fa, io l’ho rivisto ieri sera!
    Ed è sempre diverso…

    Ieri sera ad esempio mi ha colpito che nella sequenza finale loro due fanno l’amore in una specie di acquario, non ci avevo mai fatto caso che erano sott’acqua.

    (Naturalmente, a livello letterale questo presenterebbe notevoli difficoltà pratiche, quindi dò assolutamente ragione alla tua amica, vogliamo la credibilità, il realismo, e che c***!!!)

    😀


  5. realismo sovietico:D


  6. non posso parlare di questo film l’ho visto esattamente un mese dopo quell’evento lì, ci ha straziato il cuore a me e valentina, ho anche il dvd (veramente di tutta la trilogia) ma non sono mai più riuscita a rivederlo


  7. @Lophelia: Julie, operaia in una fabbrica di munizioni, perde il marito per mano capitalista…

    ecc ecc

    😉

    @Zefirina: È vero che strazia il cuore. Anche a me. Infatti lo riguardo sempre da sola.


  8. ho lasciato stare la traduzione di agape con carità, anche perchè credo anche io che quello divino e quello umano sia lo stesso amore.
    Ma mi piace invece pensare a quel contano come restano, resistono, sono eterne nella nostra pur breve vita e mi ritrovo nel pensiero che fede e speranza possano andar perdute ma non l’amore, vero.


  9. @Iko: Se proprio dovessi dire in cosa credo, credo proprio in quello che hai appena detto tu: ho fede e speranza che l’amore (qualsiasi nome gli diamo) duri per sempre.


  10. il mio preferito.
    ad henry, pero’, regalai film rosso, che’ gli si addice.


  11. @Auro: Ma veramente?
    Sai che io ho visto solo il blu?
    Quello (anche se non mi dona) mi si addice molto.


  12. filme bellissimo peró si…io preferisco rosso…o almeno, lo preferivo quando uscirono…dovrei rivederlo oggi, blu, per vedere come e quanto sono cambiato.

    l’amore divino é l’idealizzazione dell’amore umano.
    é l’amore che ognuno di noi vorrebbe provare e che non é possibile sperimentare, fortunatamente, dico io.
    l’amore che mi piace é quello che si sporca di terra, che gioca con le stagioni, che si riga il viso di lacrime di domande e gioisce del sorriso delle risposte.

    OT
    lo hai poi visto “totó”


  13. @Henry: Secondo me tutti i film più belli andrebbero rivisti, perchè cambiano con noi.

    Io direi invece che proprio l’amore sporco di terra, che ride e piange è entrambe le cose, umano e divino.
    Qualcuno direbbe che Cristo voleva dire questo, io non mi addentro…

    🙂

    Non ho visto Totò…. purtroppo non ancora, ma sta qui nella mia lista sul moleskine


  14. Ma si, super-unifichiamo tutto!!! Io lo farei non solo con agape-filìa-eros, ma pure con fede-speranza-amore-e-molte-altre-cose… Fosse per me, 3/4 del dizionario andrebbero nel cestino… anche di più… L’amore richiede quel senso di completezza e precisione che nessuna parola da sola può avere…
    La trilogia l’ho vista, anzi la vidi… anzi sarà il caso di rivedermela ;o)
    Baci.


  15. Arte, comincio a preoccuparmi: volevo rispondere ad Henry quello che hai scritto tu…
    😀

    Sono cattolica o meglio cristiana ma non credente (no, giuro, non è una provacazione, è un discorso lungo!) ma penso che un Dio che si fa di carne e muore in croce sia il massimo dell’amore che si sporca, di terra e sangue. E allora sì che il confine tra umano e divino è sola teoria.

    (un abbraccio speciale per te, mia cara Arte)


  16. p.s. il mio preferito quando uscirono fu blu (sarà perchè mi dona?! 😉
    ma li ho recentemente recuperati tutti e tre e aspetto il momento buono per riguardarmeli

    smack


  17. @Antonio: …anzi, smettiamo di parlare del tutto!!!

    😀

    @Iko: Ma no, non ti preoccupare, è già successo altre volte che pensiamo le stesse cose, mi succede anzi spesso con le persone che mi sono molto care, e non ho capito se è una causa o un effetto, o qualcos’altro, ad esempio un’alchimia, ma eccomi di nuovo qui ad analizzare, non imparerò mai.

    Ha ragione Antonio: troppe parole.
    Un abbraccio a te.


  18. Sono tutt’altro che un teologo, ma mi piace la versione della Nuova Riveduta:
    Queste tre cose durano: fede, speranza e amore; ma la più grande di esse è l’amore.
    “Durano”: sopravvivono all’incessante ciclo naturale di nascita e morte.
    Bello immaginare che anche quando non ci sarai più la tua idea, la tua forza, il tuo guardare il mondo con occhi spalancati, assetati di bellezza, tutto questo ti sopravviverà; e così pure ti sopravviverà il seme di amore che hai gettato nella terra, il piccolo calore che hai condiviso.
    Ciao!


  19. Che bellezza passare dal tuo blog e trovare questo pezzo sublime, questo film straziantemente bello e questi commenti!
    Concordo per il Blu come il migliore della trilogia. Io l’ho rivisto un paio di mesi fa e mi sono stupita non trovando mai le parole della musica nella pellicola. ero sicura che ad un certo punto, insieme all’amico, le leggevano in italiano.
    Cinzia, penso che fra qualche anno rivedrai questo film con Maria e sarà bellissimo per te!
    Non voglio fare la letteraria in un momento così carico d’emotività, ma secondo me non sono sotto l’acqua, ma a contatto con una vasca d’acqua, come sotto le radici e la terra.
    Come omaggio a questo film, da Chicago, ho riportato una pinza per le zollette di zucchero. è un omaggio incomprensibile e privato e questo me lo rende ancora più caro.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: