h1

Me gustas tu

28 ottobre 2008

La mia vecchia palestra ha chiuso.

Così, da una settimana all’altra. Senza preavviso. Dice, se volete seguirci nell’altra filiale sarete i benvenuti. Certo, all’altro capo della città, come no. Eppure smettere di fare attività avrebbe effetti devastanti sul mio umore, lo so, senza contare che permetterebbe alla forza di gravità di perpetrare i suoi danni indisturbata. E questo non ce lo possiamo permettere. Non mi resta che presentarmi all’altra palestra vicina.

Entro. Musica dunk dunk dunk. Ambiente falsolusso. Alcuni palestrati, raccolti intorno al caminetto, centellinano drink iperproteici. Resisto all’impulso di girare sui tacchi. Alla reception, una specie di Barbie mi concede il baleno di un sorriso e alla mia richiesta di iscrivermi mi porge un fascio di moduli. Sul primo, devo firmare che non faccio uso di doping. Le faccio rilevare l’assurdità di simile ipotesi, ma Barbie non ha il senso dell’umorismo, e replica piccata che “lo facciamo firmare a tutti”. Dopo aver fatto uso della carta di credito, che qui si usa anche per comprare il giornale, la bella sfavatissima mi accompagna per un giro dei locali: la piscina, la sauna, lo squash, le sale, gli spogliatoi. Tutto come nella palestra vecchia, ma più dunk dunk dunk, e l’età media è decisamente più bassa.

Decido di restare per un’ora di spinning. Scelgo una bici tra una signora sovrappeso e una ragazza semianoressica. Come nella palestra vecchia, per qualche oscuro motivo gli uomini sono tutti posizionati nelle file posteriori. Probabilmente, trascorrono lì la notte in attesa della prossima ora di spinning. Col sedere per aria e una leggera flessione del gomito pedalo al ritmo di “Me gusta marjuhana, me gustas tu”, mentre le gocce calde di sudore mi cadono dalla fronte sulle mani. Via via che il polso sale, i pensieri escono dalla mia testa e la lasciano libera, vuota e deliziosamente piena di niente. Me gustas tu.

Que voy a hacer
Je ne sais pas
Que voy a hacer
Je ne sais plus
Que voy a hacer
Je suis perdu

Annunci

28 commenti

  1. tu es perdu 🙂


  2. @Henry: Questo si sapeva da tempo

    😀


  3. io la palestra la odio e questo è un guaio per via di quella legge alla quale accennavi


  4. @Zefirina: Anch’io fino a due anni fa la odiavo, poi sono diventata dipendente, se smetto mi vengono il mal di schiena e i pensieri compulsivi.
    Comunque ci sono molti altri modi di fare attività fisica.

    teniamo duro


  5. Vederti in una versione pal-estrosa mi ha fatto sorridere da matti!
    Buona giornata 😉 bacioni!
    Ady


  6. corri zefirina, corri! ti metti l’ipod, stai all’aria aperta, i pensieri volano, la forza di gravità resta confusa, l’endorfine ballano, le palestre rimpiangono i vitalizi che non paghi e tu (dopo un po’…) ti senti così bene che non ci credi

    🙂


  7. Grandissima Iko. Seguo il tuo consiglio poi ti faccio sapere. Mi scade la membership settimana prossima e non la rinnovo.

    Troppo stanco di unz unz.

    Qui ieri e’ nevicato, ma chissenefrega, stare all’aperto e’ tutta salute, sempre e comunque.


  8. @fabio, comprati solo un paio di scarpe buone, running vere, fanno la differenza.
    E sfida il freddo, tanto correndo ti scaldi subito (certo se va sotto zero, aspetta che sgeli…).
    Fa bene al corpo e alla mente, poi sai, io corro con alcune playlist di cui sei in parte responsabile!
    Fammi sapere 🙂


  9. @Ady: Capisco bene che ti ha fatto ridere, e se mi vedessi rideresti anche di più!!
    Bacioni a te

    @Iko e Fabio: È chiaro che se io abitassi in Italia non ci penserei neanche a pagare per andare in palestra, correrei o andrei su una bicicletta vera e non finta.
    Con questo clima è molto difficile farlo. Non tanto per il freddo che fa d’inverno, quanto perchè correre sul ghiaccio presenta dei rischi (ma c’è chi lo fa regolarmente, con le scarpe chiodate). Ho diversi colleghi che ogni giorno fanno una ventina di km in bici tutto l’anno per venire a lavorare, anche a meno venti e su fondo ghiaccioneve. C’è anche gente che fa il bagno nel fiordo, ogni giorno.
    Io in tutto questo sono geneticamente e caratterialmente limitata, quindi faccio il dunk dunk coi palestrati, ma provo anche a farmi delle belle passeggiate. E quelle sono bellissime con qualsiasi stagione, anzi forse specialmente quando ti puoi mettere gli sci e partire.

    (I norvegesi non capiscono proprio questa cosa del non uscire col brutto tempo, per loro fortuna)

    🙂


  10. il “dunk dunk coi palestrati” sa di molto losco … mmm…

    se ci vuoi dare dettagli….siamo tutt’orecchi 🙂


  11. @Henry. Ma sei fissato!

    Io intendevo dire: fare attività fisica in compagnia di palestrati col sottofondo musicale dunk dunk…

    (quando uno tenta di spiegare poi si incarta ancora di più ed è sempre peggio)

    poi lo sai che per me i palestrati non esistono, cioè non esistiamo a vicenda
    😀


  12. io sto ancora cercando di capire quale sia l’oscuro motivo che costringe gli uomini in fondo alla fila…

    ma l’aria aperta è un’altra cosa!
    Però in questo periodo, qui dalle mie parti, fare bicicletta, mountainbike come piace a me, è un po’ pericoloso: è aperta la caccia al cinghiale


  13. questo post mi conferma nell’idea che ho sempre avuto di manu chao…


  14. Awww, conosco il tipo…
    Energumeni pettoruti che hanno come obiettivo quello di farti sputare l’anima.
    Se non ti piace l’ambiente prova a fare uno sport “all’aria aperta”…


  15. @Mucca: Io invece ho rinunciato a capire gli uomini, perchè è l’approccio perdente.

    🙂

    Attenzione alle battute.
    Di caccia.
    😉

    @E/veline: Ma non ti piace niente!!! Neanche Manu chao, non so più che inventarmi…

    😀

    @Michele: No, questa è un’ energumenA pettorutA, ma l’obiettivo è lo stesso.


  16. non ho detto che non mi piace manu chao, ho detto che quello che scrivi conferma l’impressione che già avevo in merito al valore e alla funzione della sua musica.

    comunque sì, manu chao neanche mi piace ma lo sai che abbiamo tanti altri gusti in comune…


  17. @Eve line Bradifanò: Francesco, ma io con tutti questi nick mi confondo!!!

    Grazie per la precisazione.

    Gusti in comune… mah non so, tu Mozart e io Bach, però…


  18. per un periodo ho provato a correre, ero arrivata a sentire l’effetto droga ma mi sono disintossicata molto facilmente, accidenti.
    Prima o poi lo spinning voglio provarlo.


  19. @Lophelia: Purtroppo le endorfine hanno breve effetto, e uscire dal tunnel dell’attività fisica è facilissimo, più facile che cadervi forse

    🙂

    Prova lo spinning, io a volte mi siedo in ultima fila.

    😀


  20. sì in effetti sto attraversando un periodo di crisi di identità virtuale, tu quale mi consigli?
    tanto praticamente il mio nick Blogger compare solo qui e da Lophelia.
    e poi scusa, io mi sono ispirato ai tuoi travestimenti chez Henry…


  21. iko a correre non ci penso nemmeno …io prendo il cane e vado a passeggiare a passo veloce e cammino cammino cammino cammino non mi stanco mai

    oppure metto le scarpe adeguate e vado a salseggiare

    ad ognuno lo “sport” che più gli si confà
    hei però grazie del consiglio


  22. @Bradifano Händeliano è splendido!

    Ah ma se ti sei ispirato ai miei travestimenti violanteschi da Henry va benissimo.
    Io ho sempre pensato che la prossima Stravaganza dovrebbe essere un ballo in maschera…

    😀

    @Zefirina: Io per la salsa sono negata, non ho abbastanza copo d’anca. Ti invidio.


  23. ahhhh… ho capito!

    arte che fai?
    ora che ho compreso che l’ultima fila giova anche allo spirito mi occupi il posto???
    😀


  24. @Mucca: Te lo riservavo, visto che ti piace tanto.


  25. uh sii un ballo in maschera!! mi piace tantissimo l’idea!
    mi metto subito a pensare al mio travestimento!
    si accettano suggerimenti 🙂

    eveline Händeliana: io mi sa che sono l’unico che l’ha capito solo alla fine chi fossi veramente. questo la dice lunga su di me credo! 😀


  26. @Henry: Lady Godiva?


  27. Ho capito, qua state tutti a fumà, altro che me gusta marijuana…

    Arte ti prego, dimmi ancora e ancora che l’attività fisica fa stare bene, libera endorfine, dà una gaia dipendenza che rende più felici della De Filippi!!! Dimmelo ti prego, fammi schiodare il culo dal divano!!!!!!!!
    ;o)
    Bacioni.


  28. @Antonio: C’è un posto libero in ultima fila, accanto a Mucca…

    😉

    Oddio ma che fai, fumi e guardi la De Filippi???
    schioda quel culo, è un ordine, poi quando vengo controllo il tono muscolare

    😀



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: