h1

moving on

9 maggio 2008

Scatoloni. Scatoloni. Scatoloni. Che non sai più cosa ci hai messo dentro, e dove li hai messi, e perchè. Tutto è nuovo: la luce al mattino, il rumore della macchina del postino, il suono del campanello. Tutto è intelligente: le serrande telecomandabili e programmabili e inclinabili, il riciclatore termico, la ventilazione bilanciata, i sensori sensibili. Solo io sono scema.

Per ora non sono ancora riuscita a farmi un caffè. Il piano cottura a induzione non è compatibile con la mia vecchia moka.

Annunci

15 commenti

  1. 😀
    Hai traslocato? Forse mi sono perso qualche post precedente…..

    Grazie per il link 😉


  2. Non ti sei perso niente, son io che mi sono persa…

    😉


  3. senza caffè???
    O_O


  4. tu non sei scema, è che i posti nuovi sono quasi sempre tristi.
    ciao
    Primule


  5. @Lophelia: Per il caffè abbiamo rimediato…

    @Primule: Benvenuto/a su Pioggia Blu.
    Come hai ragione, anche a me fa quest’effetto!
    Ma già adesso non mi sembra più triste.

    🙂


  6. Ma dai, è bellissimo! Pensa a tutto quello che c’è di nuovo da organizzare, sistemare, stabilire, considerare, spostare, pulire, trovare: il movimento è vita!


  7. Come non essere d’accordo con Rodo!

    È una bella curva! 😉


  8. @Rodo: E poi c’è anche una pompa del gasolio in salotto!!

    😉

    Hai ragione, e anche Mucca ha ragione. Ma ricordatevi che io sono come i gatti, mi devo ambientare…


  9. meno male che hai risolto almeno per il caffè! io dopo dieci giorni finalmente me ne rifaccio uno a casa mia 🙂

    (insomma, non ti avevo abbandonato! 😉


  10. @Iko: E io che mi ero vista persa…

    😉


  11. ma dove dove ti sei persa???

    che ti vengo a cercare

    un abbraccio


  12. Zefi, adesso mi sto ritrovando… ho attaccato le mie foto, messo a posto i miei libri, bruciato un bastoncino di lavanda e mi sento già a casa.

    (ma puoi venirmi a cercare comunque)

    🙂


  13. Uh auguri per la tua nuova casa!!! Ma lì in Norvegia fate come gli americani che ne cambiano una all’anno o siete stanziali come gli italiani (a parte me… ;o))


  14. E’ incredibile come le case nuove non abbiano alcuna anima: tutto lustro e tecnologico come a voler determinare una cesura netta dall’abitare al quale siamo stati abituati.

    Che e’ doloroso, aggiunge disagio al fatto gia’ disagevole di cambiare casa.

    Tra l’altro prima o poi si rompe tutto. Io sto convivendo con un beep intermittente in casa che non riesco a eliminare. Dovrei chiamare l’elettricista, e come minimo mi costa 50 sterline l’uscita e 150 il pezzo di ricambio.

    Alla fine il beep me lo sto facendo piacere.


  15. @Antonio: Grazie Antonio!
    Non una nuova ogni anno, però la mobilità è sicuramente maggiore che in Italia.

    @Fabio: Anch’io ho avuto un beep misterioso per diversi giorni!!!
    Sospetto che venisse dal forno a microonde, ma non si capiva se era lì o nella condotta di aerazione.
    Poi è sparito.
    Peccato, mi ci ero quasi abituata.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: