h1

Lei e io

8 febbraio 2007

Lei è sempre stata più bella di me. Mi basta andare in certi luoghi, passare per certe strade, e non sfuggo al confronto. Non sfuggo a quella ricerca minuziosa delle sue sembianze nelle mie, a quella delusione che leggo negli occhi di chi cerca senza trovare. Cercano lei in me, invano. Lo leggo nei loro occhi, come lo leggevo in quelli dei miei fratelli: “Lei era più bella”. Alcuni lo dicono anche, alcuni me lo hanno detto per tutta la mia vita.

I suoi capelli ricci, scuri. I miei, più chiari, senza forma.

I suoi occhi neri. I miei, marroni, più anonimi.

La sua pelle olivastra. ”Nigra sum sed formosa”. Io, pallidina.

Lei sapeva cantare, io no.

Lei ha partorito due gemelli in una camera antica, con delle grandi bifore che guardavano sui tetti e sulle torri. E me, poi, che le ho tolto la salute.

Non è colpa mia se somiglio a mio padre. Non è colpa mia se sono più vecchia di quando lei è morta, fissa per sempre nella sua eterna giovinezza. Sfuggita al tempo, al mio ricordo mai nato, chissà se anche lei mi ricorda più.

Annunci

22 commenti

  1. Semplicemente e profondamente, grazie.


  2. Semplicemente e profondamente, grazie.


  3. un abbraccio.
    forte.

    auro


  4. Le tue parole mi hanno commosso… un abbraccio.


  5. senza parole ti abbraccio anche io


  6. sai cosa penso..e sai come divento inetto in certi momenti.
    questo post, assieme a quello che sai, e’ uno dei miei preferiti tra quelli in prosa.
    ti abbraccio


  7. ricordiamoci di ricordare, sempre. un abbraccio virtuale.


  8. Ti voglio bene


  9. Quello che volevo dire l’ha detto prima rodo.
    Gli scritti su di lei sono sempre i più belli.


  10. Si dovrebbe far pace con il proprio passato…

    G.

    ps: tu potresti dimenticare tua figlia?


  11. no Gianfranco, io credo che non si possa far pace col passato né che sia giusto fargli guerra.
    il passato, le persone che non ci sono più, rimangono energie nervose nella nostra testa, sogni, emozioni e ricordi.
    ma anche oggetti, fotografie, un vecchio giaccone tutto sdrucito da cui non ti separi, dei disegni tracciati a pennarello, l’esito di un test dell’hiv e così via.
    ci sono quelli in cui ci si riconosce e quelli di cui non si cessa di ricordare il talento, così superiore al nostro.
    ci sono quelli che ti hanno generato ma anche quelli che ti hanno sconvolto la vita, quelli che hai conosciuto e quelli che hai letto, quelli che ti sei fatto centinaia di km per andarli ad ascoltare prima di non averne più il tempo e quelli che non hai fatto in tempo a sentire altro che sui dischi.
    come ho già scritto da qualche altra parte:
    i morti non sono morti
    e i vivi sono rannicchiati.


  12. no Gianfranco, io credo che non si possa far pace col passato né che sia giusto fargli guerra.
    il passato, le persone che non ci sono più, rimangono energie nervose nella nostra testa, sogni, emozioni e ricordi.
    ma anche oggetti, fotografie, un vecchio giaccone tutto sdrucito da cui non ti separi, dei disegni tracciati a pennarello, l’esito di un test dell’hiv e così via.
    ci sono quelli in cui ci si riconosce e quelli di cui non si cessa di ricordare il talento, così superiore al nostro.
    ci sono quelli che ti hanno generato ma anche quelli che ti hanno sconvolto la vita, quelli che hai conosciuto e quelli che hai letto, quelli che ti sei fatto centinaia di km per andarli ad ascoltare prima di non averne più il tempo e quelli che non hai fatto in tempo a sentire altro che sui dischi.
    come ho già scritto da qualche altra parte:
    i morti non sono morti
    e i vivi sono rannicchiati.


  13. francesco: e’ bellissimo quello che hai scritto. grazie.


  14. francesco: e’ bellissimo quello che hai scritto. grazie.


  15. Un ricordo di quelli indelebili e autentici.
    C. un forte abbraccio.


  16. stanotte ho fatto un sogno reale, tanto che ho pensato, mentre sognavo e il mio incoscio faceva seguire gli eventi come se fossi in un film, a cosa avrei dovuto fare l’indomani e l’ho pensato/immaginato/visto nel contesto del sogno. Era un sogno carico di affetto, ho sognato una persona che non c’è più e a cui mai ho potuto e voluto dire ti voglio bene, ho sognato momenti e cose che non possono più accadere, ma che nel mio sogno sembravano vere. Ho provato sentimenti d’amore e di affetto, di dolcezza forti che in passato davvero mai avrei pensato di rivolgere a questa persona.
    Può un sogno, un sentimento arrivato tardi trasformarsi in ricordo, mettersi nella cella dei ricordi anche se mai avvenuto? Io credo di sì, io sono cresciuta, forse sto solo invecchiando e acquisto saggezza, ma i morti fintanto che sono vivi dentro di te, fintanto che sono vivi quelli che li portano dentro di sè (come immagini, come fotografie, come ricordi raccontati da altri o creati nei sogni), non sono morti.
    E voglio anche credere, io voglio avere la speranza che anche noi vivi, come ricordo in loro possesso, non siamo morti.


  17. qualcuno asseriva che i morti non sono morti finchè ce li ricordiamo, sarà pur vero ma voce discordante dal coro affermo che questo non mi consola affatto della perdite di persone a me care, sia che si parli di morte che di separazioni etc. etc


  18. consolare, no, non consola.
    La distanza ed il distacco non possono essere consolate.
    Ma ricordarli ci aiuta a capirli ed a capirci. Poter parlare dei nostri ricordi ci permette di metabolizzare ogni volta un po’ il distacco.


  19. Perchè un post così triste Cinzia?Io non ho mai sentito dire niente di quello che dici,mai da nessuno,io con gli “anziani”di casa ci sono stata pochissimo,e dai tuoi fratelli,mai un paragone fra te e lei.Sai una volta Emma,mi disse che Marco mi aveva scelta,perchè assomigliavo ai capelli a Margherita…dai dai un rattristiamoci.Un bacio.


  20. @ anonimo: sei una ganza!


  21. @ anonimo: sei una ganza!


  22. Ciao Virruzza.
    Il ricordo è tutto quello che abbiamo. E quando non c’è neanche il ricordo resta solo la mancanza.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: