h1

La bella confusione

28 dicembre 2006


Dove va il mio tempo
dove mi accompagnerà
dove andrò col vento
quando si alzerà

bianco è il colore della bella confusione
la vita si rivelerà
nei suoi silenzi, le sue trame, le parentesi del cuore
il cuore un senso troverà

(R.Casale)

mattina prestissimo, guido da sola tornando dall’aereoporto, ascoltando

Annunci

21 commenti

  1. bella…bellissima poesia…bei versi…e complimenti a te, che sai ancora ascoltare…troppo poche sono rimaste le persone che sappiano ascoltare per davvero…
    un saluto!
    diluvio


  2. bella…bellissima poesia…bei versi…e complimenti a te, che sai ancora ascoltare…troppo poche sono rimaste le persone che sappiano ascoltare per davvero…
    un saluto!
    diluvio


  3. guarda caso parli di tempo…


  4. guarda caso parli di tempo…


  5. proprio ieri volevo postare sul “trovare il senso”…poi ho ripiegato sui pasticcini:)
    non conosco la musica, me la immagino malinconico-speranzosa.


  6. proprio ieri volevo postare sul “trovare il senso”…poi ho ripiegato sui pasticcini:)
    non conosco la musica, me la immagino malinconico-speranzosa.


  7. @Diluvio: benvenuto! Anche se non so mai rispondere, se non altro spero di saper ascoltare.

    @Pib: scelgo di credere che il tempo sia dalla nostra parte

    @Lophelia: Il senso del pasticcino è molto facile da trovare, almeno per me…per il resto è un po’ più difficile forse.


  8. @Diluvio: benvenuto! Anche se non so mai rispondere, se non altro spero di saper ascoltare.

    @Pib: scelgo di credere che il tempo sia dalla nostra parte

    @Lophelia: Il senso del pasticcino è molto facile da trovare, almeno per me…per il resto è un po’ più difficile forse.


  9. dico io, avvolte in una bella confusione qualcosa si riesce a capire, se non altro di sé.


  10. la casale e’ tra le mie voci preferite. in particolare un album “incoerente jazz” e’, secondo me, pieno di perle.

    “…un cuore semplice
    e’ la soluzione.
    un mare limpido,
    per vedere cosa c’e’
    oltre quello che c’e’ in me…


  11. la casale e’ tra le mie voci preferite. in particolare un album “incoerente jazz” e’, secondo me, pieno di perle.

    “…un cuore semplice
    e’ la soluzione.
    un mare limpido,
    per vedere cosa c’e’
    oltre quello che c’e’ in me…


  12. UFF, Arte!
    Ma non hai visto il giochino di Natale sul mio blog? Ti ho chiamato in causa…

    BUON ANNO!
    🙂


  13. … brevi momenti di sospensione della coscienza… anche se la sensazione è quellà dell’irrealtà, tutto ci appare più lucido e chiaro…


  14. SPETEGULESSSSSS di elevatissimo livello!!!!!!!!:
    Franz Maciejewski, studioso di Sigmund Freud, è riuscito a trovare in un alberghetto svizzero la firma di Freud e di sua cognata Minna Bernays, sorella nubile della moglie, sul registro dei clienti. Ma la signora Bernays non compare come cognata di Freud, bensì come “signora Freud”. I due avrebbero passato una settimana da soli nella stessa camera matrimoniale, ad insaputa della moglie del padre della psicanalisi, che in quella settimana ricevette regolarmente lettere dal marito (tuttora agli atti) che la tranquillizzavano con bugie degne della più romanzesca “fuitina”. La cosa più interessante di tutto ciò è che il primo a dare notizia di quella che divenne una relazione extra-matrimoniale abbastanza nota di Freud fu proprio il suo ex-allievo C.G. Jung!
    A me sorge un dubbio: sta a vedere che Mr. Freud ha creato ‘sta teoria della libido solo per giustificare i suoi pruriti??!!…


  15. @Hertz: è quella la speranza.

    @Henry: un mare limpido, come quello che vedi tu oggi!

    @Chiara: scusami, ho provveduto subito!
    😉

    @Antonio 1: a me per ora non appare chiaro proprio niente.
    Antonio 2: idem
    Antonio 3: Sì, sì, finalmente un pettegolezzo! Questa storiazza non mi sorprende affatto, ho sempre pensato che Freud fosse un marpione. Invece mi delude un po’ Carl Gustav, che si preoccupa di “dare la notizia”…ma insomma, questi benpensanti!


  16. @Hertz: è quella la speranza.

    @Henry: un mare limpido, come quello che vedi tu oggi!

    @Chiara: scusami, ho provveduto subito!
    😉

    @Antonio 1: a me per ora non appare chiaro proprio niente.
    Antonio 2: idem
    Antonio 3: Sì, sì, finalmente un pettegolezzo! Questa storiazza non mi sorprende affatto, ho sempre pensato che Freud fosse un marpione. Invece mi delude un po’ Carl Gustav, che si preoccupa di “dare la notizia”…ma insomma, questi benpensanti!


  17. Un pezzo molto triste che però piace.
    Sul serio.
    Qui.


  18. @Paolino: Grazie, che farei senza il tuo aiuto!
    🙂

    L’ho ascoltata moltissimo questo Natale…un bellissimo regalo da una persona molto cara.


  19. Ma quello è un nodo a 8!! Serve per le ferrate e le arrampicate.
    Dici che serva per dare l’idea della confusione? Secondo me un nodo così è invece segno di organizzazione, perfino rigore; ci vedrei meglio un groviglio.


  20. Rodo, come sai che io non sono mai riuscita a imparare a fare i nodi, anche quelli semplici mi si ingarbugliano sempre…diciamo che è un nodo all’apparenza semplice ma in realtà una vera matassa!

    O forse è solo un nodo troppo stretto, che non riesco a sciogliere?


  21. Il cuore ha un suo senso nella sua esistenza e nel suo rumore, nel suo far parte fondamentale della nostra vita, nel suo esserci in ogni situazione, unica e ogni volta irripetibile.
    Ed è proprio lì che la vita si rivela.
    Un saluto.

    Fabio



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: