h1

Notte dopo gli esami

15 giugno 2006

(Dedicato alla piccola Noek e a tutti i maturandi, con simpatia)

Firenze, estate 1983, notte d’afa. Cerco invano nel mio letto angoli freschi, cambio posizione riavvolgendo il film, tagliando scene, montandole in nuove angolature mentre guardo il buio del soffitto.

Gli scritti.

Italiano e latino.
“L’infinito” di Leopardi. “La pluralità dei mondi e il niente di noi”, il sublime kantiano. La versione di Seneca col timidissimo membro esterno di fisica che girava tra i banchi nella palestra senza finestre a cinquanta gradi, supplicandoci gentilmente di non copiare. Passo la versione alla P., lei pensa bene di “cambiarla un po’” e non si sa come riesce poi a prenderci 4.

Tra scritti e orali, una nebbia.

Le notti a vagare per la casa, mangiando cocomero, da un balcone all’altro. Le fughe a M. per studiare, il tavolo piazzato davanti al panorama della valle, io le rondini e Peter che mi spiega Nietszche. Il pericolo sventato dell’orale di fisica, io che non ho neanche il libro. Le ultime telefonate, la caraffa del tè freddo coi cubetti che tintinnano.

Gli orali.

Vestitino di seta stampata grigia comprato a San Gervasio per l’occasione, occhiaie d’ordinanza, escoriazione allo stinco destro dovuta a colpo di pedale mancato. Il corridoio a pianterreno, la terza A. Membro interno: la prof. A. di greco, capello crespolino e solita collana di coralli rossi che mi viene sempre voglia di mangiare. Hegel, i Crepuscolari. L’umorismo assurdo del presidente della commissione, dal quale sembra contagiata tutta la commissione, mi sconcerta. Resto serissima per tutto l’esame.
Dietro di me, tra gli spettatori, sento la tua presenza. Sei arrivato silenziosamente, un po’ in ritardo, a esame già iniziato. Ma io so che ci sei. Lo so e questo mi trasmette lo stesso brivido di quel pomeriggio di temporale quando lessi la tua lettera nella mia camera semibuia, lo stesso dialogo senza parole tra di noi. Sparisci un attimo prima che io concluda, esci coi libri stretti tra le braccia conserte, passo veloce e fronte corrugata, salutando i ragazzi con un breve cenno del capo. Mi precipito fuori nel corridoio, mi raggiunge il timido prof. di fisica mentre ancora tremo, mi stringe la mano: “Finalmente riesco a vedere il suo sorriso! La prof. A. ce lo aveva descritto, ci abbiamo provato, ma non siamo riusciti a farla ridere…” Ho le ginocchia di gomma, qualcuno mi invita al bar Lux, forse Flavio che non si perde un orale…

Una macchina passa nella notte, la radio a tutto volume. Accendo la luce, guardo i libri ancora sparsi sulla scrivania. Ce n’è uno ancora aperto, all’ultimo capitolo. Lo chiudo e provo a dormire.

Annunci

16 commenti

  1. L’immagine è quanto mai evocativa, soprattutto nel movimento.
    Lettera? non ricordo, o forse mi sono persa qualcosa.


  2. La Lettera risale all’estate precedente, trovata di ritorno da Quercianella, mi ricordo esattamente la busta e la calligrafia…

    Ma non ti sei persa niente, casomai io come al solito late bloomer!


  3. Mi tremano ancora le gambe al pensarci 🙂 sembra ieri, ed invece sono passati… 0_0
    Circa lo stress, cento volte meglio meglio gli esami universitari!
    In bocca al lupo Noek (oh belin!);)


  4. Mi tremano ancora le gambe al pensarci 🙂 sembra ieri, ed invece sono passati… 0_0
    Circa lo stress, cento volte meglio meglio gli esami universitari!
    In bocca al lupo Noek (oh belin!);)


  5. Che emozione.
    Indimenticabile l’esame di Maturità. 🙂
    Ma allora non era solo il mio presidente di commissione ad avere quel sorriso beffardo tanto irritante. In bocca a lupo a Noek.


  6. “finalmente riesco a vedere il suo sorriso…”anche allora la tua dolcezza marchesa era famosa…

    il mio esame di maturita’…me lo hai fatto tornare in mente…e’ passato e non me ne sono quasi accorto…la mia prima ragazza mi aveva lasciato due giorni prima per un altro…come sempre le emozioni amorose presero il sopravvento…


  7. @Gidibao: l’unica volta che sono stata stressata in maniera paragonabile alla maturità è stato a un esame di statistica (vedi su Tack). Ma di quello non ho altri ricordi!

    @Henry: Always the gentleman, grazie.

    Che tempismo la ragazza! Non poteva aspettare una settimana??


  8. Anch’io come Henry un amore che finiva con una grossa e drammatica decisione da prendere, l’esame neanche me lo ricordo


  9. Io invece avevo un amore inizato da una settimana, che sarebbe durato tipo un anno e mezzo. Ero tutto felice e nonostante fossi stato ammesso alla maturita’ a maggioranza di solo un prof (per la condotta) riuscii a prendere 42 contro ogni previsione (la commissione l’avevano formata credo con un concorso per il professore piu’ stronzo della zona, avevano distribuito 36 a pioggia, quindi il mio 42 aveva un che di eroico – pure la preside, che era sicura di litigare con me in consiglio d’istituto per il cineforum per un altro anno ricordo che mi disse allibita “Barbieri, ma come hai fatto?”). Appena uscito dagli orali, sicuro di averla scampata, presi il libro di letteratura inglese e gli diedi un tremendo calcione liberatorio proprio sul primo gradino della scalinata. La rilegatura non resse e ho ancora davanti agli occhi le pagine che volteggiano nella fresca mattinata estiva prima di sparpagliarsi sui gradini. All’universita’ per qualche ragione divenni uno studente modello e mi laureai con 110 e lode, ma il Fabio studente che mi piace ricordare e’ quello che in una mattina d’estate prende a calci il libro sul quale ha sudato, e si allontana sulla sua bici, tutto felice di essersi lasciato quell’incubo alle spalle.


  10. Amarcord… ancora il senso dell’òmega… se ripenso alle nottate pre-esame passate sui libri, non mi riconosco più. Non potevo essere io quello seduto lì al buio a studiare per ore e a disperarmi tra un caffè e una sigaretta. Per tre anni dopo la laurea non ho toccato sigarette nè bevuto caffè… solo canne, prima interdettemi a causa dello studio…


  11. @Henry, Matteo, Fabio: Ma tutti questi amori! Io a quell’età ero convinta che i ragazzi fossero dei bebè, quelli della mia età non li consideravo nemmeno. Invece vedi, erano capaci di sentimenti…

    @Antonio: ma scusa, ora il cervello anche se non ti funziona fa lo stesso? ;))


  12. Un cortometraggio cara Artemisia:-D
    Delightful..

    Silvia


  13. @Arte: non riesco più a fare in modo che il mio cervello e il mio corpo si sveglino la mattina alla stessa ora. Si comincia con un gap temporale che si incrementa progressivamente durante la giornata. Credo che per risettare il tutto e ri-sincronizzarmi dovrò aspettare che la Terra ritorni nel segno dell’ariete ;o)

    buon week-end ad Arte e a tutti gli altri!!!! ri-sincronizzatevi!!!!!!


  14. @Silvia: grazie e bentornata!

    @Antò: sfasato!
    Buon fine settimana!


  15. Pure io ho versato lacrime amare per stat 😦

    buon week-end carissimi Bloggers 🙂


  16. gli scritti erano andati bene, ma l’orale l’ho fatto piangendo…quando uscii pensai: “mi sono giocata tutto!”, e invece dopo 10 min esce il mio prof. che mi dice: “dai su…sarà la prima e l’ultima volta nella tua vita”.Avevo capito che era andata bene lo stesso, malgrado le lacrime. La sera mi sono presa una ciucca!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: