h1

Composita

11 maggio 2006

Sin dall’infanzia aveva amato i sistemi. Cominciò con le figurine Panini, ancora non autoadesive, gli animali divisi in mammiferi rettili uccelli pesci anfibi.

Poi l’analisi grammaticale, le categorie dei nomi. L’analisi del periodo, causale finale ellittico. Le declinazioni greche e latine le davano un brivido di piacere. Preferiva le latine alle greche, queste ultime troppo irregolari. La tavola col sistema periodico degli elementi l’affascinò per interi pomeriggi. Sussurrava i loro nomi in ordine, dall’idrogeno al laurenzio, metalli non metalli semimetalli gas nobili.

Si disperava di non capire la matematica. Successivamente capì che il problema era che non riusciva a dare nomi ai numeri. Era l’elemento linguistico a mancarle. La lingua come sistema. Si rifece con la filosofia. Kant prima, poi Hegel. Il primo: Giudizi universali, particolari, singolari. Affermativi, negativi, infiniti (questi ultimi già le creavano dei problemi concettuali). Categorici, ipotetici, disgiuntivi. Problematici, assertori, apodittici. Ordine sublime.

Del secondo l’attraeva l’identità di reale e razionale. Niente le dava tanta sicurezza come pensare a questo, nelle sere da sola in camera sua alla luce della lampada bianca, ascoltando i Concerti Brandeburghesi dall’uno al sei in ordine – nota bene – non di composizione.

Non potè non rimanere affascinata dalla grammatica tedesca, il Sistema dei Sistemi. Il Duden divenne la sua bibbia. Von, zu, mit col dativo. Le esercitazioni di grammatica, col lettore dalle guance rosa, divennero le sue oasi di luce nel grigiore quotidiano.

Ma un giorno qualcosa irruppe nella sua vita: L’elemento caotico. Il vortice dei sentimenti. L’innamoramento, la cecità folle dei sensi. Fu strappata alla sicurezza dei sistemi e sputata via dalla forza centrifuga del turbine. Perse il terreno sotto i piedi, la facoltà di discernere. Dimenticò tutto quello che aveva imparato per non soffrire più. Cercò invecemla sofferenza scambiandola per amore. Perse ogni difesa. Si lasciò trasportare dall’onda cieca e bruciante fin quasi ad annegarne.

Si salvò approdando su una spiaggia lontana. Lì vive ancora. Ma ora è un’altra. Non cerca sicurezze. Ama l’ignoto, la domanda, l’eccezione,il verbo irregolare, la mutazione, la perla barocca, la biodiversità. Ha smesso di vestire di nomi le cose. Certamente è più felice. Ma ancora non capisce la matematica, e ancora ascolta Bach.

Annunci

16 commenti

  1. Composita..l’ho già detto in un altro post Meravigliosa Creatura…


  2. mi piacciono i preludi…addolciscono l’attesa. grazie


  3. @artemisia: chissà che ti frulla in quella testa… frulla… frullo … mmhhmmm… mi sa che è l’onomatopea che indica il volo del passero…
    p.s.: ho passato tutta la mia vita cercando di raddrizzare le curve nere e poderose dei miei punti interrogativi… anche io sono approdato al caos, ma… senti un pò… con la matematica… la matematica del caos, i sistemi dinamici non-lineari, i frattali, e quelle robe lì… pensa che con il prof. di analisi alla facoltà di ingegneria di perugia stavamo iniziando un lavoro sul battito caotico del cuore fetale… mi stavo convincendo che la verità stesse lì, non foss’altro perchè era strana e così poco scontata… poi ovviamente tutto è caduto quando mi sono rifugiato a roma… quei punti interrogativi non lo ho ancora raddrizzati, non mi interessa più farlo, anzi… ora le loro curve e la loro poderosità mi servono per usarli come ganci, ed appenderci il mio passato…


  4. L’ordine non mi ha mai confortato, anzi. I sistemi per me hanno sempre voluto dire soprattutto regole, costrizione, chiusura. Invece l’elemento caotico delle emozioni mi ha dato sicurezza, rifugio perché fuga dalle regole, dalla costrizione. Finché non è diventato esso stesso costrizione, coazione a ripetere: allora è stato il momento di scendere dalla giostra. L’importante è rompere alla fine la gabbia, di qualunque natura sia. E non aver paura di cosa c’è fuori.


  5. GRAZIE, te lo scrivo con in sottofondo St.John Passion


  6. @Pib: Artemisia Composita d’Iperborea

    @Henry: a volte il preludio è la parte migliore!

    Antonio: la matematica del caos…dovrai raccontarmi qualcosa, anche su quel battito cardiaco fetale, caotico…mi torna in mente il post di Pib ieri.
    Sei un fiume in piena, che fa curve ed anse, mai una linea retta, torni sui tuoi passi e cerchi di rispondere alle tue domande, ma non rispondere mai a tutte, la vita è una domanda. E la cosa che più mi dava tristezza in matematica erano quelle due rette parallele che non si incontravano mai…meglio le curve che si TANGO-no o si intersecano…

    Allora dici che ho i passeri in testa? 🙂

    @Lophelia: è in fondo la stessa cosa, lo so e lo sai.

    @Luigi: Ringrazia Johan Sebastian…:))


  7. @Artemisia&Lophelia: lo so anche io..eccome se lo so..

    le rette che TANGO-no..


  8. @artemisia: grazie… raramente si ha la sensazione di essere compresi… la definizione “fiume in piena” che tu e pib mi avete affibiato mi è stata simpatica subito… ma grazie per averla resa anche commovente… “Sei un fiume in piena, che fa curve ed anse […]”… poi ti dirò qual è uno dei fiumi più ricchi di meandri…


  9. Quella di non usare il LEMMA meandro è stata consapevole…

    Diciamo che hai un delta molto ampio.


  10. Mi hai fatto venire in mente Eric Berne, l’inventore dell’analisi transazionale, quando in “A che gioco giochiamo” dice che i bambini smettono di “sentire” quando imparano a classificare. La nostra esperienza di adulti consiste spesso in un processo di liberazione da queste classificazioni per tornare a percepire in modo primario e immediato. E’ una bella storia quella che racconti, un processo di liberazione molto riuscito. A proposito di processi, percorsi, ecc.: buon viaggio per domani!


  11. Quel “vestire di nomi le cose” è una citazione montaliana (fissazione mia). Conosco un pochino Berne, e condivido assolutamente…la verbalità è senza dubbio una necessità e una risorsa ma portata all’estremo è una difesa e si rischia di catalogare la propria esistenza (terribile).

    Il mio processo non è concluso e non si concluderà forse mai, essendo la mia natura quella di “control freak”. Ma ci sto lavorando:)

    Grazie dell’augurio. Ci vediamo lunedì.


  12. @artemisia: eppure meandro mi sarebbe piaciuto tanto… i meandri del fiume giordano…

    @artemisia&Henry: SEE YOU SUNDAY !!!


  13. Ma meandro mi sa di ristagno…

    Ok poi ne parliamo.


  14. Quella deliziosa persona… che da oggi conosco meglio…


  15. Una bella corsa sulle montagne russe..
    Penso che non sarebbe male riuscire ad assaporare da entrambe le sponde..Regola e disordine, importantissimi tutti e due.
    Le regole, i sistemi sono una sorta di “base”, un po’ come il make up o come dipingere un quadro..Prima prepari la superficie, i volumi e poi spazi e crei a piacimento..Ed e’ qui che le regole te le scordi proprio, altrimenti non potresti davvero creare..
    C’e’ un dialogo in The Big Kahuna:

    Larry Mann: There are people in this world, Bob, who look very official while they are doing what they are doing. And do you know why?
    Bob Walker: Why?
    Larry Mann: Because they don’t know what they are doing. Because if you know what you are doing, then you don’t have to look like you know what you are doing, because it comes naturally”.
    La trovo cosi’ vera…
    Fonte: http://www.imdb.com

    SI


  16. Silvia: montagne russe è proprio la parola giusta.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: