h1

27 gennaio 2006

Si tende la distanza
tra il mio polso ed il tuo
e geme, se sfiorata
corda di violino.
Prigione-serenata
è il vano liberarsi dei tuoi occhi:
mi seguono
mute lune ciclopi.

(1986)

Annunci

7 commenti

  1. il polso dove si sente il battito del cuore netto e distinto..lontano lontano


  2. Lontano o vicino non esiste


  3. lontano o vicino sono solo parole nello spazio e nel tempo? Hanno un loro peso,una loro unità di misura…relativa senza dubbio ma esiste almeno per me


  4. Esiste ma bisogna liberarsene, non esserne prigionieri.


  5. quante volte ho sentito tendersi quella corda di violino…tante volte ho anche sperato si rompesse…ma talvolta non bastano distanze a liberarsi dagli occhi che ci hanno preso…

    bellissima poesia artemisia…fonte di mille ispirazioni…


  6. Se non si riesce a liberarsene, l’unica cosa che ci resta è suonare su quella corda e cantare la lontananza…


  7. come mi capisci…



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: