h1

Charlottenburg

20 gennaio 2006

Inseguita da lunghi corridoi, da ciechi
televisori spenti
pronti ad urlarmi addosso
vecchi rancori.
Per strada udivo lento
il fine pianto dei germogli.
Tremava la città di notte
sotto il cielo bucato
e nei caffè
sedeva gente colorata
facce
tinte di sonno chiaro
galleggiavano occhi
risalendo dal fondo dei boccali.
Andavo trascinando due valigie
di mele amare.
Vidi una piazza buia scintillare
di lame di coltello.

Annunci

7 commenti

  1. Il fine pianto dei germogli: mi ha fatto venire in mente a quando da bambino qualcuno mi dise che la rugiada erano le lacrime delle piante.


  2. Pioggia Blu viene dalla parole norvegese “Blåregn”, salice piangente…


  3. Nelle tue poesie c’è spesso solitudine, tristezza, colori bui.
    Eppure non sei così, non ho mai riso con nessuno quanto con te. Ma in effetti le profondità dell’essere sono insondabili. E affascinanti.


  4. il sorriso va visto di fronte e di dietro…

    Il salice piangente e’ tra le mie piante preferite…quanti viaggi mentali mi sono fatto con il suo nome.


  5. Rodocrosite: io sono tante persone…ci sono molte cose che non conosci di me. Ma non ho mai smesso di ridere, anche nei momenti peggiori.

    Pib: Proprio così…


  6. quante volte
    ho trascinato
    valigie piene
    di mele amare!
    ricordi rossi e neri
    facce da cartolina
    occhi come specchi:
    i miei;
    i miei sorrisi
    le mie lacrime
    come di germogli
    fragile pianto


  7. Grazie Henry



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: