h1

Circo Vioxx

23 settembre 2005

Stavo guardando “Mi manda Rai Tre”, una specie di circo che a volte vedo, più per interesse folcloristico che per altro. A volte mi diverte, altre mi deprime. Stasera sono indecisa. Si parlava del Vioxx, che la casa farmaceutica Merck ha spontaneamente ritirato dal mercato nel 2004 sulla base di uno studio clinico controllato. Lo studio, sponsorizzato dalla stessa Merck, indicava un’incidenza di gravi disturbi cardiaci (tra i quali l’infarto)cinque volte superiore rispetto al gruppo di controllo. Il presupposto era che si fosse assunto il Vioxx quotidianamente per più di 18 mesi. Il rappresentante dei Codacons presente in studio, che rappresenta tutti quelli che ora esigono dalla Merck un risarcimento, si esprimeva in questi termini: “Ci vorrebbe la galera. La galera a vita!”(per la casa farmaceutica, naturalmente). “Questo farmaco ha fatto una strage!” diceva.”Su 80.000.000 (=80 milioni!) di persone che l’hanno assunto ha fatto 27.000 morti!Una strage!” Premesso che ogni morto è un morto di troppo, non mi sembra si possa parlare di strage con una mortalità dello 0.03%. Anche considerando che l’infarto è una patologia comune, dovuta anche a una miriade di altre cause. Una strage, la galera a vita. Mi domando se la gente si rende conto di cosa sta dicendo. Il giornalista dava man forte, parlava di farmaco “aberrante”, ignorava il Prof.Garattini che cercava di far notare che il Vioxx era meno gastrotossico di altri farmaci dello stesso tipo che sono ancora in commercio “Professore, meglio il mal di stomaco che l’infarto”. E le emorragie gastriche mortali? Meglio anche quelle? Insomma, il trionfo dell’ignoranza, della demagogia, della stupidità. Lungi da me rimpiangere il Vioxx, ma se si fosse fatto uno studio simile sull’aspirina, che cosa avrebbe invocato quello del Codacons leggendo i risultati? La sedia elettrica?

Annunci

One comment

  1. Quelle trasmissioni sono insopportabili. Invece di essere dedicate alla difesa degli utenti sono generalmente becere, inconcludenti, approssimative, istigazioni alla rinuncia a pensare. Non lasciano parlare gli imputati che hanno scelto e che hanno già condannato. Ho visto più volte imprese con argomenti ragionevoli e per niente vessatori zittiti o addiritura derisi.
    Chi ne conduceva una adesso è Presidente di una importante Regione.
    Demagogia di bassa lega a spese dei contribuenti e adesso anche degli elettori. E non basta dire che il Presidente precedente era peggio.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: